4.2.1 Materiali della costruzione: Introduzione
economia
10 Ottobre 2009 amministratore

4.2.1 Materiali della costruzione: Introduzione

4.2.1 Materiali della costruzione: Introduzione Ai materiali da costruzione è affidato il compito di rendere sicuri e confortevoli gli spazi strutturati della nostra vita.


Ai materiali da costruzione è affidato il compito di rendere sicuri e confortevoli gli spazi strutturati della nostra vita. Oltre a soddisfare esigenze di tipo tecnico, economico ed estetico, i materiali influiscono di- rettamente anche sulla salute e benessere degli abitanti.
Si dovranno utilizzare, quindi, materiali biocompatibili, sostenibili ed ecologici, analizzandone il con- tenuto d'energia e materia prima, e prestando grande attenzione ad eventuali negative ricadute ambientali:
emissione di sostanze tossiche
inquinamento delle acque
contaminazione dei terreni
I materiali utilizzati in bioedilizia sono quelli che nel ciclo delle loro fasi di "vita", cioè dalla produzione all'uso, dalla manutenzione fino allo smaltimento, creano meno danni possibili all'ecosistema ambientale.
Possiamo suddividere i materiali in tre grandi famiglie:
quelli che costituiscono la struttura dell'edificio: fondazioni, murature, solai, ecc.
quelli che ne migliorano le prestazioni: isolanti, protezioni, infissi, ecc.
le "finiture" che completano la struttura e sono più a diretto contatto con gli utilizzatori finali: pitture e vernici, colle, pavimenti, ecc.
Nella realizzazione di una costruzione occorre tener ben presente che ogni materiale deve collaborare con gli altri per definire le prestazioni complessive dell' edificio. Così, mentre è abbastanza facile trovare un materiale ecocompatibile, magari ricorrendo alle sempre più diffuse certificazioni, è spesso complicato comprendere come esso interagisca con gli altri. Spesso verifichiamo che materiali naturali vengono inseriti in sistemi costruttivi inadeguati, rendendo del tutto inutile, quando non addirittura dannoso, il loro impiego. Il materiale giusto al posto giusto deve essere quindi una priorità per ogni buon progetto. Un materiale non è "buono" o "cattivo": è il suo impiego che può essere giusto o sbagliato.


Testi tratti da Distretto Bioedilizia

 

Chiudi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità  alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies