L'acqua deve rimanere di proprietà pubblica
attualita
20 Novembre 2009 Adiconsum

L'acqua deve rimanere di proprietà pubblica

L’acqua è un bene comune ed un servizio indispensabile nel quale né oggi né
domani sarà possibile qualsiasi forma di concorrenza, perché la rete idrica è
unica

Adiconsum: “Coinvolgere le Associazioni dei Consumatori nella definizione degli standard di qualità, trasparenza delle tariffe e aumenti tariffari per i necessari investimenti”

L’acqua è un bene comune ed un servizio indispensabile nel quale né oggi né domani sarà possibile qualsiasi forma di concorrenza, perché la rete idrica è unica.
Chi pensava di privatizzare il servizio dell’acqua aveva come unico obiettivo non dichiarato quello di speculare su un servizio indispensabile.
Adiconsum condivide, quindi, l’emendamento che sancisce che il bene acqua deve restare di proprietà pubblica, così come le tariffe devono restare di competenza pubblica.
Già oggi dove il servizio acqua è passato a società private il primo provvedimento che è stato preso è stato l’aumento delle tariffe, con scarsi o nulli riscontri sulla qualità del servizio e sugli investimenti. Adiconsum chiede che le Associazioni Consumatori siano interpellate i ordine
alla:
• definizione degli standard di qualità
• trasparenza delle tariffe
• aumenti tariffari
I consumatori non sono contro gli aumenti tariffari, ma a questi va affiancato
un reale miglioramento del servizio.

 

Chiudi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità  alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies