Sofocle
Storia del teatro: la tragedia di Sofocle
10 Ottobre 2009 amministratore

Sofocle

Oltre che all’introduzione di un attore in più, a Sofocle si deve “l’umanizzazione” dei personaggi, che non sono più dei “tipi” standard, ma vengono descritti nei loro veri caratteri.

Oltre che all’introduzione di un attore in più, a Sofocle si deve “l’umanizzazione” dei personaggi, che non sono più dei “tipi” standard, ma vengono descritti nei loro veri caratteri. L’introduzione del terzo attore da parte di Sofocle va considerata non come la causa della ricchezza della nuova tragedia, ma come l'effetto della più ricca e complessa visione che Sofocle ne ebbe. Proprio per l’aumento di questa complessità, ogni singola tragedia, non è più «un atto» della trilogia, ma un dramma compiuto e per se stesso. E infatti, sebbene di Sofocle non ci sia rimasta nessuna trilogia intera, sappiamo che le sue trilogie erano la semplice riunione di tre tragedie indipendenti, senza alcun legame fra loro. Inoltre, l’umanizzazione dei personaggi, li toglie dalla posizione immobile in cui li aveva collocati Eschilo e diventano “uomini” e “donne”, sempre idealizzati, ma meno inaccessibili. A Sofocle si deve il dramma Edipo Re, in cui il re Edipo uccide il padre (senza sapere chi realmente fosse) e altrettanto inconsapevolmente, sposa la sua stessa madre rimasta vedova.

 

Chiudi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità  alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies