Creiamo la nuova civilta'NELLA SCIENZA OLISTICA
benessere
10 Ottobre 2009 amministratore

Creiamo la nuova civilta'NELLA SCIENZA OLISTICA

creiamo la nuova civilta'NELLA SCIENZA OLISTICA l gruppo di scienziati olistici sta creando la nuova scienza, grazie alle sue esperienze interiori di trasformazione e grazie all’incontro



l gruppo di scienziati olistici sta creando la nuova scienza, grazie alle sue esperienze interiori di trasformazione e grazie all’incontro con uomini e donne di grande evoluzione e spiritualità o per proprie esperienze transpersonali. Ciò ha fatto loro intuire, comprendere e riformulare le conoscenze e le teorie della scienza materialistica in termini più complessi, iniziando un processo di riconciliazione tra le dimensioni della coscienza e dell’intelligenza con la dimensione dell’energia e della materia. Queste loro intuizioni hanno portato a nuove ipotesi, nuove scoperte e nuove teorie che costituiscono un primo essenziale passo per una trasformazione della scienza meccanicistica in una Scienza Olistica. Prendiamo ora in considerazione soltanto uno dei numerosi paradigmi:

Il paradigma olografico.
La lastra dell’ologramma contiene l’intera immagine in ogni suo punto. Il paradigma olografico estende la propria interpretazione all’intera esistenza e alle dimensioni della coscienza; si basa sul concetto di informazione globale che lega una parte al tutto: la parte diventa un ologramma del tutto, in quanto contiene al suo interno una raffigurazione globale dell’insieme da cui deriva. Questo, di fatto, implica una relazione informatica continua, coerente e dinamica fra la parte e il tutto. Il paradigma olografico implica una complessità teorica e una semplicità intuitiva tale da renderlo indispensabile per spiegare e comprendere anche scientificamente una larga parte delle relazioni tra “Uno e il Tutto”. Potremo parafrasarlo dicendo che “è la parte nel tutto, il tutto nella parte”.

Il paradigma olografico quindi è essenzialmente un modello di relazione e di informazione globale un modello universale, potente e fecondo. Esso contiene una delle basi teoriche che sostiene il concetto di ordine implicato di Bohm, dove tutto è connesso e in ogni punto c’è l’immagine e l’informazione del tutto. Così l’uomo diventa un insieme, un’unità olografica che contiene in sé la matrice dell’informazione totale del sistema in cui è incluso (la sfera terrestre, la sfera del Sistema solare, della Galassia e così via), e con il quale c’è un continuo scambio di informazioni e di energie; la stessa continua relazione, simultaneamente, esiste anche con le sfere più piccole di cui è composto, le cellule, gli atomi e le particelle subatomiche. Tutto questo esprime il concetto “Come in alto, così in basso”: la relazione speculare e analogica tra una dimensione del micro e macrocosmo, tra Uno e Infinito, tra unità e il Tutto, tra anima individuale e cosmica. Le Upanishad esprimono il concetto olografico con questo Sutra:

Quello è il Tutto
Questo è il Tutto
dalla Totalità emerge la Totalità
la Totalità viene dalla Totalità
e la Totalità comunque rimane
.

Moltissimi scienziati ritengono che il pensiero scientifico non è incompatibile con una visione spirituale del mondo; ci dicono anche che c’è l’infinito vuoto e misterioso, la matrice Zero originaria del Tutto, da cui nacque la Singolarity, il punto ancora senza spazio e tempo che secondo la scienza attuale precedette il Big Bang. Come nel concetto di matrice Uno, la Singolarity implica il concetto di unità, di Oneness, di condizione potenziale creativa in cui tutto è ancora indiviso, in cui non si è ancora prodotta la rottura della simmetria perfetta dello stato originario.
Si è osservato la tendenza a far coincidere il concetto di Coscienza con il concetto di vuoto, che ripropone in chiave di fisica quantistica l’associazione già avanzata da millenni in numerose culture spirituali e cioè, il Vuoto originario e immanente è l’infinita Coscienza intelligente, implica in ogni singolo atomo dell’esistenza, un principio creativo che continua, da dentro ogni cosa, a far ruotare i mondi e le galassie, a far battere ogni cuore e a spingere ogni essere vivente verso una maggiore coscienza e comprensione. Lao Tsu ci dice che: Il Tao è un vuoto che l’azione non può colmare, è di profondità abissale, è l’origine di tutte le cose”.

La fisica quantistica, addentrandosi nel cuore profondo della materia, scopre che essa è energia, vuoto, onda vibrante in veloce movimento e mutamento; scopre il paradosso esistenziale della duplice “impossibile” natura di onda e di particelle dei fotoni e degli elettroni, le unità prime dell’intera esistenza. Scopre anche che ogni quanto di onda-particelle è interconnesso con l’intero sistema, ossia ogni frammento è intimamente legato all’intera esistenza come oneness, e quindi tutte le parti dell’universo sono connesse tra loro dai campi elettromagnetici, come se fossero legate da un’unica energia intelligente che si manifesta in differenti forze e processi di creazione, conservazione e distruzione.

Un contributo a questa sfida emergente è rappresentato dalla cibernetica olistica. Perché la cibernetica? Afferma il Premio Nobel Manfred Eigen che: “la natura delle informazioni è immateriale; quindi, essendo basata sul concetto immateriale, può avvicinarsi alla comprensione e qualificazione della Coscienza, la più immateriale delle cose esistenti”. Grazie alla cibernetica, la scienza delle informazioni, la grande divisione tra corpo e mente, tra materia e coscienza sta per cadere. Asseriscono i fisici John Wheeler e Edward Fredkin che: “dovremmo iniziare a percepire e interpretare l’universo come se fosse costituito, in ultima analisi, non da materia ed energia, ma da pura informazione. Nel senso che il linguaggio cibernetico permette infatti di comprendere in modo unitario l’intera gamma dei fenomeni naturali e mentali”.
Secondo Eigen, l’informazione rappresenta l’essenza stessa della vita e, pur essendo sempre coerente alle leggi di natura, costituisce un codice d’interpretazione che apre una dimensione evolutiva totalmente nuova. La coscienza e i fenomeni dell’intelligenza, fino ad ora non considerati dalla scienza, iniziano ora ad essere misurati in termini di informazione e, quindi, analizzati e compresi come processi reali. Secondo due ricercatori l’ordine diventa un altro modo di esprimere quante informazioni sono codificate in un sistema; per cui ciò che è vivo (sistema vivente) dovrebbe essere misurato in termini di informazione. Candace Pert dice che: ”bisogna parlare di mente/corpo come di un’unica entità integrata, l’intero corpo una rete di informazioni, un complesso circuito pensante che abbraccia ogni cellula dell’organismo”.

Gli scienziati olistici dicono che è necessario rifondare la scienza, cercando di percepire in ogni essere e fenomeno l’unità tra materia e coscienza, tra energia e informazione, ossia tra la forma oggettiva e il contenuto soggettivo di informazioni della psiche. La scienza olistica può esistere solo accettando, come propone Frencis Crik, che: “la dimensione della coscienza, e i fenomeni ad essa connessi, siano un legittimo e essenziale campo di ricerca e conoscenza scientifica”. La cibernetica rappresenta lo strumento tecnico e cognitivo per comprendere i processi di coscienza, e l’unità in essi implicata, qualificandoli, analizzandoli e studiandoli come informazioni. Tuttavia, per giungere ad una reale comprensione cibernetica e olistica della realtà, occorrono - oltre che l’esperienza profonda della propria coscienza – precise ipotesi e basi concettuali. Le intuizioni devono essere sopportate da un ordine logico formalizzato che possa guidare ogni ricercatore con principi universali. Questo insieme di considerazioni, definizioni, principi e logiche prende il nome di Teoria cibernetica.

PAX CULTURA-Montecatini

Torna al menù principale

 

Chiudi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità  alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies