Il dolce sapore dell'illusione
Il dolce sapore dell'illusione
Il dolce sapore dell'illusione

Il meccanismo dell'illusione


Il fenomeno dell'illusione consiste nel confondere una parte per il tutto: vedo una persona di spalle, ha la testa di una forma simile a quella di un amico, mi avvicino per salutarla e mi fermo, deluso dalla scoperta che si tratta di un'altra persona. L'illusione si basa sempre sulla somiglianza tra 2 forme simili, che possono essere confuse tra loro: ciò spiega solo il come dell'illusione, ma non il perché. Magari, non mi accorgo che quell'amico mi manca e che vorrei vederlo: questo è il perché dell'illusione.
Il perché dell'illusione è da cercare in una emozione o in un bisogno di cui non siamo consapevoli, che ci induce a vedere cose che non esistono. Sono particolarmente noti quegli esperimenti che dimostrano come persone affamate tendono a vedere panini e torte nella maggior parte delle immagini ambigue, che vengono loro sottoposte. Quindi, i bisogni e le emozioni irrisolte tendono sottilmente a far percepire situazioni, contesti, oggetti e significati che non esistono.
Oltre il 90% delle persone vivono in uno stato di sonno, cioè di inconsapevolezza, che porta a sviluppare illusioni collettive, tutta la giornata, per tutta la vita. Non potrebbe essere altrimenti, visto che la consapevolezza è una sudata conquista di pochi e che l'illusione cresce unicamente sul terreno dell'inconsapevolezza.
Quindi, ogni volta che non sono consapevole di un'emozione, tenderò a sviluppare un'illusione: ad esempio, non sento la mia rabbia e mi illudo che il rapporto con il mio amico sia fluido e scorrevole. Poi, mi viene la gastrite e vado dal medico, che mi riempie di farmaci e ciò mi evita di ascoltare il sintomo (frutto dell'emozione sottostante): così facendo, perdo continuamente l'opportunità di ascoltarmi un po' più attentamente e continuo a sviluppare disarmonia, visto che i farmaci influiranno negativamente su altri organi. L'attaccamento all'immagine che ho di me stesso, poi, cristallizza l'intera sequenza: io sono una persona pacifica e tollerante, che va d'accordo con tutti e che non crea attriti con gli amici. Che bella persona che sono! Anche se lo stomaco non è molto d'accordo, posso continuare a raccontarmela come mi pare.
Tutto ciò fa pensare a quanto la consapevolezza impegni: nel momento in cui cominciate a tradurre i vostri sintomi fisici con l'espressione delle vostre emozioni, comincia un nuovo mondo, tutto da scoprire. Ed il percorso che ne consegue, gradualmente, impone delle scelte.
Quelli che seguono sono solo alcuni chiari esempi di come l'illusione può prendere piede nella vostra vita, per creare, o riprodurre, una sottile gabbia, il cui unico obiettivo è quello di proteggervi dal reale contatto con la Realtà.

La ricerca della tana perduta

La ricerca della tana perduta Questa forma di illusione nasce dall’idea che sia possibile ripristinare un grembo materno, dove si è esonerati anche dai bisogni Questa f [...]

L'attaccamento all'immagine del buono

L'attaccamento all'immagine del buono L'immagine del buono è un'altra trappola micidiale per la libertà: molti falsi stili educativi [...]

L'illusione del finito e dell'infinito

L'illusione del finito e dell'infinito L'essere umano, per sua natura, è composto di una dimensione finita e di una infinita. [...]

L'illusione che la guerra sia fuori

L'illusione che la guerra sia fuori Non troppo tempo fa ho incontrato una coppia in crisi: lei è abilissima [...]

Chiudi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità  alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies