LUPINI DELL'EMILIA ROMAGNA
cucina
10 Ottobre 2009 amministratore

LUPINI DELL'EMILIA ROMAGNA

300 g di farina 100 g di zucchero semolato 70 g di burro 1 limone non trattato 1 arancia non trattata 3 uova 3 cucchiai di rum 1 pizzico di sale olio

  • 300 g di farina
  • 100 g di zucchero semolato
  • 70 g di burro
  • 1 limone non trattato
  • 1 arancia non trattata
  • 3 uova
  • 3 cucchiai di rum
  • 1 pizzico di sale
  • olio per friggere
  • zucchero a velo
  • farina

La farina:
setacciala sulla spianatoia, fai una fontana, rompi al centro della fontana le uova, unisci lo zucchero semolato, il sale, la scorza del limone e dell'arancia, il burro a tocchetti e il rum.
Amalgama pian piano la farina agli ingredienti con le dita, poi lavora il composto impastandolo energicamente.

Con la pasta ottenuta:
che deve essere omogenea, morbida e liscia, forma una palla, coprila con una ciotola capovolta e lasciala riposare per un'ora circa in un posto non troppo caldo per evitare che il composto si asciughi eccessivamente.

Dopo un'ora:
riprendi la pasta, fanne diversi pezzi, con ognuno dei pezzi forma un cilindretto del diametro di 1 cm circa, facendola rotolare sotto le tue mani infarinate. Ogni cilindro taglialo a tocchetti della lunghezza di 1 cm circa, utilizzando un coltello sulla cui lama avrai cosparso della farina.
Ogni tocchetto ricavato dal cilindro, lavoralo ancora con le mani per formare una piccola pallina leggermente schiacciata ai lati, i lupini, e mettili in un piatto cosparso di farina.

Per friggere:
friggi i lupini, a fuoco medio-basso, facendone cadere nell'olio uno alla volta direttamente dal piatto, fino a quando diventano dorati, poi toglili dall'olio con una paletta forata e servili cosparsi di zucchero a velo e canditi.

 


puoi accompagnare i dolci di carnevale con un Soave del Veneto, che produce il Recioto, ottenuto da uve appassite e vinificate agli inizi del mese di gennaio.
Il Recioto Soave, nel tipo spumante, va servito ad una temperatura non inferiore ai 10-12° C, perché troppo freddo perderebbe quelle note di fragranza che conferiscono eleganza a questo vino.
E' caratterizzato da un profumo fresco e delicato, con note fruttate e ricordo di mandorla, sambuco e ciliegio. Il suo sapore è asciutto, di struttura elegante, con leggero fondo amarognolo.
 

 

Chiudi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità  alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies