INSALATA DI SALMONE
cucina
10 Ottobre 2009 amministratore

INSALATA DI SALMONE

1 finocchio da 200 g circa 70 g di rucola 125 g di bocconcini di mozzarella 100 g di salmone affumicato 1 rametto di aneto o in alternativa foglioline

  • 1 finocchio da 200 g circa
  • 70 g di rucola
  • 125 g di bocconcini di mozzarella
  • 100 g di salmone affumicato
  • 1 rametto di aneto o in alternativa foglioline di finocchio o origano secco
  • 4 cucchiai di olio d'oliva
  • il succo di ½ limone
  • 1 spolverata di pepe nero
  • 2 pizzichi di sale

La rucola:
elimina le foglie sciupate al mazzetto di rucola, ma senza slegarlo e taglia i gambi, poi slega il mazzetto e lava le foglie in abbondante acqua fredda. Dopo di ché scola le foglie e asciugale con un telo da cucina o, se ne possiedi una, con la centrifuga.

Il finocchio:
elimina le membrane esterne più dure, lavalo e asciugalo, poi riducilo a spicchi di 1 cm di spessore ciascuno.

I bocconcini di mozzarella:
scolali dal loro liquido.

L'aneto:
lavalo e asciugalo.

Il salmone:
riduci le fette a striscioline di circa 1 cm di larghezza.

Prepara il condimento per l'insalata:
prendi una ciotola e mettici il succo di limone e il sale. Versa l'olio a filo, sbattendo il tutto per un minuto con una forchetta, in modo da ottenere una salsa gonfia.

Per finire:
metti le foglie di rucola in una insalatiera, aggiungi i bocconcini di mozzarella, gli spicchi di finocchio, le striscioline di salmone e mescola tutti gli ingredienti delicatamente, con l'aiuto delle mani.
Poi taglia con le forbici l'aneto facendolo ricadere direttamente sugli ingredienti, spolverizza con il pepe e unisci la salsa che hai preparato.

Sei pronto per servire e gustare questa deliziosa e semplice insalata.

 


prova ad accompagnare questo antipasto con una Nosiola del Trentino, del Trentino-Alto Adige, un raffinato vino da aperitivo in grado di ricoprire tranquillamente il ruolo di vino da tutto pasto.
La Nosiola ha un profumo molto ricco e caratteristico. Il suo sapore secco, scorrevole e di buona persistenza, ripropone la sensazione di frutta su fondo lievemente amarognolo.
Va servito fresco, intorno ai 10° C.

 

 

Chiudi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità  alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies