INVOLTINI DI SOGLIOLA IN SALSA ROSA PICCANTE
cucina
10 Ottobre 2009 amministratore

INVOLTINI DI SOGLIOLA IN SALSA ROSA PICCANTE

12 filetti di sogliola un mazzetto di prezzemolo un rametto di dragoncello 8 pomodorini tipo ciliegia mezzo dl di vino bianco secco olio sale Per la preparazione della salsa: 500 g di patate un pizzico di cumino una foglia di alloro 2 cucchiai di salsa di pomodoro olio sale

  • 12 filetti di sogliola
  • un mazzetto di prezzemolo
  • un rametto di dragoncello
  • 8 pomodorini tipo ciliegia
  • mezzo dl di vino bianco secco
  • olio
  • sale

Per la preparazione della salsa:

  • 500 g di patate
  • un pizzico di cumino
  • una foglia di alloro
  • 2 cucchiai di salsa di pomodoro
  • olio
  • sale

Questa settimana proponiamo un secondo piatto molto leggero:

iniziate dalla salsa:
sbucciate le patate e fatene delle fette sottili. Mettetele a cuocere coperte in una padella insieme all'alloro e al cumino, aggiungete 4 cucchiai d'olio e 3,5 dl d'acqua calda.
Dopo 10 minuti di cottura unite la salsa di pomodoro ed aggiustate di sale; dopo di ché eliminate l'alloro e frullate la salsa, che terrete in caldo.
Fate un trito del dragoncello e del prezzemolo, e cospargete queste erbe tritate sui filetti di sogliola, aggiungete sale a vostro gusto e fatene degli involtini, arrotolandoli, che fisserete con uno stecchino di legno.
Cuocete gli involtini:
fate scaldare 3 cucchiai d'olio in una padella, unite il vino e aggiungete gli involtini, coprite la padella e lasciate cuocere per 5 minuti; passato il tempo di cottura, togliete gli involtini dalla padella ed il loro fondo di cottura incorporatelo alla salsa che avete precedentemente preparato.
Presentate il piatto in questo modo:
suddividete la salsa nei piatti ed adagiatevi sopra gli involtini di sogliola, aggiungendo i pomodorini ciliegia tagliati a metà; se volete a completamento del piatto potete spolverizzare con le erbe tritate.

Di più sul dragoncello:
è un'erba aromatica, usata soprattutto in Francia. Ha un odore molto fine e pungente.
In Italia non è facile trovarla fresca; per questo potete tranquillamente utilizzarla essiccata, ricordandovi di dimezzare le dosi perché l'essiccazione rende più forte l'aroma.


un Ribolla Gialla del Friuli-Venezia Giulia, un vino dal profumo piacevole e suadente, un vino caratterizzato da sapore asciutto, lievemente acidulo, molto personale e leggero.
Il Ribolla Gialla va servito fresco, ma non troppo, ad una temperatura non superiore ai 12°C.
 

 

Chiudi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità  alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies