cucina
10 Ottobre 2009 amministratore

ASPARAGI

Probabilmente originari della Mesopotamia, come dimostrerebbe anche il loro nome secondo alcuni, di origine iraniana, gli asparagi appartengono alla famiglia dei gigli e dei mughetti. La pianta è erbacea. La parte aerea che li costituisce è formata da foglioline leggere, piccoli fiori di colore giallo e bacche di colore rosso.
La parte commestibile è costituita dai giovani germogli o turioni, che spuntano alla base dei rizomi legnosi, denominati zampe. Sono di forma allungata, consistenza carnosa e sapore piuttosto delicato.

Varietà:
di Bassano e di Cesena caratterizzati da turioni bianchi;
i Mary Washington caratterizzati da turioni verdi;
gli Argenteuil e i Napoletani, caratterizzati da turioni violetti.

Quando l'acquistate ...:
controllate i germogli che devono risultare freschi e in buone condizioni, cioè dritti, sodi ed integri, privi di ammaccature.

Fate attenzione:
al gambo che deve essere poco legnoso e verificate che gli asparagi che compongono il mazzetto siano della stessa lunghezza.

Conservazione:
in frigorifero, nel cassetto della verdura, avvolti in un panno umido, possono resistere per 4 giorni. In alternativa potete immergere i gambi degli asparagi nell'acqua fredda e conservarli per 24 ore, fuori dal frigorifero.

Proprietà:
gli asparagi contengono poche calorie, per questo sono particolarmente indicati nelle diete dimagranti. Hanno proprietà depurative, ma sono anche ricchi di acido urico, per cui è sconsigliato il consumo a coloro che soffrono di cistite, gotta e infiammazioni ai reni. Per finire hanno un alto contenuto di calcio, fosforo e potassio.

Come trattarlo:
le punte degli asparagi o turioni, sono decisamente la parte migliore e priva di scarto.
Dal gambo va eleminata la parte finale molto fibrosa, poi con l'aiuto di un coltellino ben affilato o dell'apposita mandolina, si procede in questo modo: poggiate gli asparagi su un tagliere per evitare che si spezzino, e sbucciate il gambo procedendo dalla punta verso la fine, per eliminare la parte filamentosa, poi raccogliete i germogli a mazzetti e legateli con del filo bianco da cucina.
Legare gli asparagi equivale a facilitare l'eliminazione dell'acqua durante le operazioni di scolatura.

Ricette:
Torta salata di Pasqua
Insalata pasqualina
Sformatini verdi in salsa di gamberetti
Fagottini di agnello
Misto di verdure al cartoccio
Asparagi con besciamella
Rotolo agli asparagi
Uova sode agli asparagi
Asparagi ai fiocchi di formaggio
Asparagi alle uova
Totanetti agli asparagi e menta
Verdure saltate in latte di cocco
Ditaloni con asaragi e uova
Torta di gruyere e asparagi
Uova sode con gli asparagi
Asparagi in salsa

 
Joomla SEO powered by JoomSEF

ZigZag

Italiadonna

Newsletter

Iscriviti gratis riceverai così le notizie di ItaliaDonna via e-mail:
News Ricette



Chiudi