ROBERTO BENIGNI (1952)
cultura
10 Ottobre 2009 amministratore

ROBERTO BENIGNI (1952)

  ROBERTO BENIGNI (1952) Roberto Benigni nasce a Misericordia (AR) il 27 Ottobre 1952.




Roberto Benigni nasce a Misericordia (AR) il 27 Ottobre 1952.
Nel 1972, a vent'anni si trasferisce a Roma dove debutta al Teatro dei Satiri con la commedia I Burosauri di Silvano Ambrogie.
Nel 1978 partecipa a L'altra domenica il seguitissimo programma di Renzo Arbore, mentre nel 1979 arriva la sua prima opportunità cinematografica: il ruolo di protagonista nel film di Marco Ferreri Chiedo asilo.
Lavora con Citti per Minestrone nel 1981; con Giuseppe Bertolucci per Tuttobenigni nel 1986; con Jim Jarmusch per Daunbailò sempre nel 1986.
Ma la sua prima regia è datata 1983 con il film Tu mi turbi.
Il suo primo successo vero, che lo fa conoscere non più solo ad un pubblico ristretto, che apprezza la sua satira un po' surreale, è Non ci resta che piangere del 1986, una esilarante commedia ambientata alla fine del 1400 in cui recita con un magnifico Massimo Troisi.
Nel 1988 con Il piccolo diavolo esprime l'universo comico che più gli somiglia: magico, paradossale e fantastico. Comincia con questo film il sodalizio professionale e sentimentale con Nicoletta Braschi, che sarà l'interprete di tutti i suoi film e che nel 1995 diventerà sua moglie.
Del 1991, è Johnnny Stecchino, un grande successo, con una comicità che mette il protagonista all'interno di gag che rimandano a Totò, ai fratelli Marx, alle situation-comedy di A qualcuno piace caldo; il titolo del film, scritto insieme a Vincenzo Cerami, si deve ad una mania del protagonista di questa felice commedia degli equivoci.
Con il film Il Mostro, conferma un successo di pubblico, che lo porta a sfiorare i quaranta miliardi di incasso nel circuito delle sale.
Benigni ha interpretato per Federico Fellini La voce della luna, con un inedito Paolo Villaggio nel 1989, e per Blake Edwards, Il figlio della Pantera Rosa nel 1994.
La sua ultima prova cinematografica è La vita è bella, racconto dolce-amaro ambientato negli anni della Seconda Guerra Mondiale, che affronta in modo originale e mai cruento il grande dramma dell'olocausto.
Il film, che ha vinto numerosi premi sia nazionali che internazionali, si è aggiudicato ben tre Oscar nelle categorie miglior film straniero per l'anno 1999, miglior colonna sonora e lo stesso Benigni ha vinto l'Oscar come miglior attore protagonista, un riconoscimento mai conquistato da un attore che non fosse di lingua inglese.

 

Chiudi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità  alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies