MARTIN LUTERO
cultura
10 Ottobre 2009 amministratore

MARTIN LUTERO

MARTIN LUTERO (1483-1546) Monaco scrupoloso appartenente ad un ordine di rigida disciplina, fu per molto tempo tormentato dall'idea della


(1483-1546)

Monaco scrupoloso appartenente ad un ordine di rigida disciplina, fu per molto tempo tormentato dall'idea della bassezza dell'uomo, di fronte alla perfezione di Dio, e atterrito dalla minaccia dell'eterna dannazione.
Lutero riteneva, che la salvezza si ottiene da una redenzione totale della personalità del fedele; mentre per la Chiesa, è necessario che l'uomo si salvi compiendo opere buone, rendendosi così degno di ricevere i meriti del sacrificio di Cristo. Nel 1517 l'arcivescovo di Magonza tentò di procurarsi denaro vendendo indulgenze (donando alla Chiesa una determinata somma , il fedele comprava un'indulgenza, cioè la sicurezza di essere prosciolto davanti a Dio dalla pena temporale corrispondente ai suoi peccati).
Non potendo accettare un simile affronto, Lutero inchiodò sulla porta della Chiesa del castello di Wittenberg un foglio che conteneva 95 formulazioni di dottrina contrarie alla vendita delle indulgenze.
Iniziava con questo gesto la Riforma Protestante.
Dopo una lunga e ampia disputa, Leone X, con la bolla Exsurge Domine, scomunicò Lutero. Rifiutandosi di ritrattare le proprie tesi, nel 1521 fu espulso dall'impero, anche se tale sentenza non fu mai eseguita, poiché godeva della protezione dell'Elettore di Sassonia.
Da quel momento Lutero si adoperò per lottare contro la Chiesa romana e per frenare i movimenti estremistici della riforma stessa, insistendo sul bisogno di cambiare prima la religione, anziché le istituzioni politiche e i rapporti sociali. Lutero morì poco prima del Concilio di Trento e delle guerre religiose tra protestanti e cattolici.

 

Chiudi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità  alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies