FEDERICO BARBAROSSA
cultura
10 Ottobre 2009 amministratore

FEDERICO BARBAROSSA

FEDERICO BARBAROSSA (1121-1190) Salì al trono dopo la morte dello zio Corrado III.


(1121-1190)

Salì al trono dopo la morte dello zio Corrado III. Egli si impegnò soprattutto per realizzare l'unità germanica e affermare il potere universale dell'Impero e la sua supremazia sul Papato. Venuto in Italia nel 1154, tentò di ottenere l'autorità imperiale in Lombardia, anche se con grandi difficoltà.
Così, dopo qualche atto di forza, si diresse a Roma, dove prese accordi con il pontefice Adriano IV, ottenendo l'incoronazione.
A causa di alcuni disordini scoppiati in Germania, fu costretto a tornare in patria, ma nel 1158, tornò in Italia per riprendere la lotta contro i Comuni.
Nella seconda dieta di Roncaglia, rivendicò i suoi diritti sui Comuni, alcuni dei quali si ribellarono, sostenuti anche dal nuovo pontefice Alessandro III, in opposizione al quale, Federico fece eleggere Vittore IV. Barbarossa, poi, distrusse Crema e Milano, causando però la ribellione dei Comuni vicini, che si riunirono in una lega.
Alessandro III, intanto, era divenuto sostenitore morale delle forze, che si opponevano a Barbarossa, il quale, sceso per la quarta volta in Italia, si recò a S. Pietro per insidiare l'antipapa.
Nel 1167, guidata da Alessandro III si costituì la Lega Lombarda, che, con la "Battaglia di Legnano", riuscì ad ottenere parte delle proprie rivendicazioni. I Comuni rilasciarono all'imperatore una dichiarazione di vassallaggio, mentre venne loro concessa una completa autonomia amministrativa e in parte politica.
Nel 1189 partì per la III Crociata ma durante il viaggio morì.

 

Chiudi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità  alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies