MARYLIN MONROE
cultura
10 Ottobre 2009 amministratore

MARYLIN MONROE

MARYLIN MONROE (1926 - 1962) Nome d'arte di Norma Jean Baker Morteson (Los Angeles 1926 - Hollywood 1962).


(1926 - 1962)

Nome d'arte di Norma Jean Baker Morteson (Los Angeles 1926 - Hollywood 1962).
Dopo un'infanzia travagliata e un primo matrimonio a 16 anni; l'esordio in Dangerous Years (1947) la fece notare dai registi che le affidano in principio piccole parti in films come:Una notte sui tetti, Giungla d'asfalto (1950) di J. Houston ed Eva contro Eva (1950) di J.L. Mankiewicz.
Scritturata dalla Fox, il cinema le ritaglia addosso il personaggio della bionda tanto bella quanto ingenua, e diviene, grazie anche ad una accorta campagna pubblicitaria, una star di prima grandezza e anche qualcosa di più: un mito, un sex - symbol degli anni Cinquanta.
Alla scalata al successo contribuirono non tanto i suoi film drammatici, dove appariva nelle vesti di vamp: La tua bocca brucia, 1952; Niagara, 1953; La magnifica preda, 1954; quanto le commedie, in cui mise in luce qualità di attrice sofisticata e spiritosa: Gli uomini preferiscono le bionde (1953), Come sposare un milionario (1953).
Nel 1955, subito dopo il matrimonio con Joe di Maggio, il regista Billy Wilder le affida la parte della svampita inquilina del piano di sopra in Quando la moglie è in vacanza.
Con il divorzio, avvenuto dopo solo 9 mesi di matrimonio da Joe di Maggio, Marylin vive un periodo di crisi, da cui esce grazie all'iscrizione all'Actor's Studio, al matrimonio con Arthur Miller, commediografo, e ad altri film che riscuotono notevole successo: Fermata d'autobus, 1956; Il principe e la ballerina del 1957, girato in Inghilterra con la regia di Laurence Oliver, suo compagno sul set e da lei prodotto, e un altro film con Wilder, A qualcuno piace caldo del 1959.
La sua ultima interpretazione fu Gli spostati di J. Houston nel 1961, da un soggetto di suo marito Arthur Miller.
Il suo corpo fu trovato privo di vita, nel suo apprtamento, subito dopo il divorzio da Miller. Di lei oggi resta l'immagine di una diva infelice, che nonostante la fama e la bellezza, non ha saputo conquistare, la cosa che le premeva di più, cioè l'amore di chi le stava accanto, rimanendo alla fine di ogni relazione sempre sola e abbandonata.

 

Chiudi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità  alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies