Dialetto e proverbi della regione Piemonte
Dialetto e proverbi della regione Piemonte
10 Ottobre 2009 amministratore

Dialetto e proverbi della regione Piemonte

Lenizione: processo linguistico secondo il quale le consonanti sorde, poste tra due vocali, divengono sonore, e quelle sonore spiranti.


A boce ferme a s' avrà chi guadagna
A bocce ferme si saprà chi vince

A forsa 'd nuiusé cáich cos a s' gava sempre
A forza d'importunare qualcosa si ottiene

A-i-e- nen bela scarpa c'a dventa nen brut savat
Non esiste bella scarpa che non diventi ciabatta

A s' fa gnún matrimoni sensa c'a s' fica 'l demoni
Non si fa un matrimonio senza che ci si ficchi il demonio

Ese cùm l'asu al sùn d'la lira
Stupido come l'asino al suono della lira

Anleva i to fieui da pover s'ì-t-i veuli rich e cuntent
Se vuoi ricchi e contenti i tuoi figli, allevali da poveri

Un batocc a peul nen serve per due cioche
Un battaglio non può servire per due campane

La barbera l'è na bell'uva . quand a n'a fa
La barbera è un'uva bella . quando il vitigno fa

Pian, barbé, chè l'acqua a brúsa
Piano, barbiere, perché l'acqua scotta

Bosch d' pùnta e fùmna d' piat a sustenu mes un stat
Legno ritto e donna stesa reggono mezzo Paese

Le busie a sùn cùm j sop, c'a s' cunosu da luntan
Le bugie, come gli zoppi, si distinguono da lontano

Bseugna adatese a le circustanse e mangié 'd pan se a-i-e nen d' pitanse
Bisogna adattarsi alle circostanze: mangiar pane se mancano pietanze

Ciúcia Martin, c'a lè breu d'autin
Martino, puoi succhiare, è brodo del filare

La pì cativa rùa a l'è sempre cùla c'a schersina
La ruota peggiore è sempre quella che cigola

La ca va sempre mal quand la fùmna a porta le braje e l'om 'l scussal
La casa va male se la donna porta i calzoni e l'uomo il grembiule

Carlo Quint imperadùr, quand a l'avia disnà chiel, a lasava disné i so servidùr
Carlo Quinto imperatore, dopo aver pranzato, lasciava mangiare i suoi servitori

Chi gieuga per bsogn, a perd per necessità
Chi gioca per bisogno perde per necessità

Chi a sa nen simulé a sa nen regné
Chi non sa simulare non sa regnare

Chi ved sent e tas, a ten 'l mùnd 'n pas
Chi vede ascolta e tace, mantiene il mondo in pace

Chi a fa 'l faus a s' cred fúrb, ma a l'è mac faus
Chi fa il falso si crede furbo, ma è solo falso

Chi pasa Po pasa Doira
Chi passa il Po può passare anche la Dora

Cùl c'a fa lò c'a dev nen a j ariva lò c'a cred nen
Che fa quel che non deve, avrà quel che non pensa

Chi a roba nen a fa nen roba
Chi non ruba non fa roba

Chi afita i beni al vsin c'a s'aspeta púra d' ciacot seira e matin
Chi affitta i terreni al vicino, si aspetti liti la sera e il mattino

I dent a sun pì vsin che i parenti
I denti son più vicini dei parenti

'L diau fa la salada 'd tre cose: lenghe d'avucat, dij d' nudar, e la terse l'è riservà
Il diavolo fa l'insalata con tre cose: lingue d'avvocato, dita di notai e la terza è riservata

Dop d'ese falì tuti san lò c'andasia fait
Dopo esser falliti tutti sanno quale sarebbe stato il rimedio

Firb cmè Gribùja che pri nen bagnase a s'ascundiva ant i ariane
Furbo come Gribuglia che per non bagnarsi si nascondeva in un ruscello

La guera fa i lader, e la pas a j ampica
La guerra fa i ladri e la pace li impicca

Le legi d' Turin a dúru da la seira a la matin
Le leggi di Torino durano dalla sera al mattino

La lenga a l'àn nen d'os, e púra a fa d' mal gros
La lingua è senz'osso, pa può fare male grosso

Lenghe d' Cher e chiche d' Turin a l'àn mai pì fin
Lingue di Chieri, e campane di Torino non tacciono mai

La moda a cambia túti j ani, le teste dle fùmne
La moda cambia ogni anno, la testa della donna ogni momento

Mustré a la gata a rubé 'l lard
Insegnare alla gatta a rubare il lardo

Múl, mulin, gran sgnùr e cuntadin a sun quatr cativ vsin
Mulo, mulino, gran signore e contadino, son quattro cattivi vicini

'L brav' om a s' cunòss quand a-i-è pi nen
Il brav'uomo è apprezzato quando non c'è più

Na presa d' tabac e na litra d' racumandasiùn a s' negu mai a gnún
Una presa di tabacco e una lettera di raccomandazioni non si negano a nessuno

Teren an man a n' afitàvul, teren an bùca al diàvul
Terreno in mano al fittavolo, terreno in bocca al diavolo

 

Chiudi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità  alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies