San Benedetto da Norcia e San Francesco d'Assisi portatori di messaggi di cristianità in italia
vacanze
10 Ottobre 2009 amministratore

San Benedetto da Norcia e San Francesco d'Assisi portatori di messaggi di cristianità in italia

"Ora et labora" IL MESSAGGIO DI S. BENEDETTO DA NORCIA di Franco Piccinelli Insieme a quello di S. Francesco, sono l'espressione della più alta cristianità in Italia e nel mondo

"Ora et labora"
IL MESSAGGIO DI S. BENEDETTO DA NORCIA

di Franco Piccinelli

Insieme a quello di S. Francesco, sono l'espressione della più alta cristianità in Italia e nel mondo dove si è diffusa la parola di Cristo

Ho per protettore San Francesco. Non quello d'Assisi. Quello di Sales. Posso ripudiarne uno per l'altro?
Mai più, me lo tengo, anche per riguardo a uno dei miei nonni che festeggiava quest'ultimo e i miei di casa devono aver pensato che lo si poteva smentire.
Cosi' il protettorato del vescovo ginevrino e dottore della Chiesa, per altro coevo con il mitico assisate, si estese alla mia nipote Francesca e di sicuro impetrerà ogni bene per eventuali, futuri, omonimi della mia casa.
Certo, in Italia, il primo è assai più popolare del secondo. Convergono e si dipartono da Assisi, per esempio, tutte le maggiori iniziative e le piò o meno spontanee manifestazioni per la pace. Protettore del nostro Paese, egli è. Ma in Europa, a contendergli il primato, c'è San Benedetto, che estende le sue intercessioni sull'intero continente. Quindi, se uno è Re, l'altro dovrebbe essere Imperatore, pur se ci furono, nella storia e nelle fiabe, dei Re con un potere maggiore degli Imperatori.
A questo punto io devo chiedere perdono a entrambi i Francesco: d'altra parte la nostra è un'epoca di conclamate richieste di perdono, di perdonismo, di pentitismo. Pare stia incamminandosi a essere anche un'epoca virtuale, discorso diverso, certo, ma non perciò poco inquietante.
Dunque? Ecco. Questo Benedetto mi piace. Molto mi piace. Mi dà l'impressione d'uno di quei solidi contadini che fino a un paio di generazioni fa s'incontravano nelle nostre campagne.
Intendiamoci: sempre solidi sono i contadini d'oggi, che per loro e nostra fortuna hanno smesso l'abito della servitù per indossare i panni del samurai. Ma, essendo vecchi di un millennio e mezzo i tempi di San Benedetto da Norcia, devo riferirmi alle mitiche figure d'una ruralità esaurita che faceva folclore ma imponeva pesantissime fatiche.
Ebbene, io me lo vedo Benedetto, rampollo della nobile famiglia romana degli Anicii, che abbandona tutto, parenti e agi, gira le spalle al mondo, un mondo mille volte più difficile dell'attuale, e va a vivere in una grotta vicino a Subiaco, raccogliendo intorno a se i primi discepoli, fondando per loro la prima abbazia dell'Ordine, a Montecassino.
Voi direte che anche i trascorsi di Francesco d'Assisi, richiamano la rinuncia al benessere, alla ricchezza, per non doversi troppo vergognare di fronte ai diseredati che, complessivamente, erano comunque in numero inferiore rispetto a quelli d'oggi.
E' vero. Seraficamente, Francesco si diede ai lebbrosi, ai poveri, spargendo in sé e attorno a sé la letizia nel nome dell'Altissimo, tanto che ogni sofferenza impostagli dal Cielo era vista in chiave di partecipazione allo straordinario mistero d'un Creatore onnipotente, insindacabile nel suo volere dai percorsi enigmatici per la pura ragione.
Benedetto, fatto salvo ovviamente il misticismo, tracciò un'altra strada, di santificazione non disgiunta dalle esigenze concrete della vita terrena, intesa non solo negli elementari aspetti di sopravvivenza, ma estesa a difendere la coltura attraverso il lavoro manuale e la salvaguardia appunto d'un patrimonio culturale e letterario antico che altrimenti si sarebbe perduto.
La sintesi di questa visione del monachesimo benedettino, che per otto secoli ebbe un'influenza determinante sulla vita religiosa e civile, è nei due ideali della preghiera e del lavoro che ne ispirarono la Regola.
"Ora et labora", che, laicamente, potremmo tradurre come invito a non oziare nella sola contemplazione e a non finalizzare nel lavoro qualsivoglia attività.
Si, reitero la mia richiesta di perdono, ma Buon dio se mi piace questo santo così raggiungibile nel messaggio diffuso e mai come oggi frainteso o poco inteso. Prega per poter guadagnare sempre di più, si cerca di interpretarlo nel mondo d'oggi.
Oltretutto, Benedetto aveva una sorella dal nome stupendo, Scolastica. Divenne suora e, come il fratello, fu fatta Santa.

 

Chiudi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità  alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies