La vita quotidiana nel Settecento (XVIII sec.)
cultura
10 Ottobre 2009 amministratore

La vita quotidiana nel Settecento (XVIII sec.)

Donne e società: il Settecento L'educazione Nel Settecento, sia in Italia, che nel resto d'Europa, i giovani nobili non vedevano mai i propri genitori, poiché, appena

Donne e società: il Settecento

L'educazione

Nel Settecento, sia in Italia, che nel resto d'Europa, i giovani nobili non vedevano mai i propri genitori, poiché, appena pronti, all'età di circa sei-sette anni, venivano affidati ad un precettore, che si occupava della loro istruzione. Mentre i genitori erano impegnati in ricevimenti e viaggi, i ragazzi crescevano nella scarsa considerazione generale.

I ragazzi delle classi medie e borghesi, ricevevano spesso un'educazione più solida, poiché, in assenza di un precettore privato, venivano mandati a studiare dai gesuiti o dagli scolopi. L'educazione si basava sulla pietà e sulla disciplina ferrea, con frequente ricorso alle punizioni corporali.
In questo secolo, avvenne anche un'importante rinnovamento nei programmi educativi, promosso dagli scolopi, che estesero il raggio degli insegnamenti dal greco e latino, ai problemi concreti della vita economica ed agricola.
Questo allargamento non toccò però le ragazze, che venivano prematuramente rinchiuse nei conventi dove, nella migliore delle ipotesi, veniva loro insegnata la lettura, la scrittura e un po' di grammatica, oltre alle arti del disegno, della musica e del cucito. Era ancora largamente ritenuto che le cattive letture deviassero le brave ragazze, e quindi, molte volte, le giovani donne erano tenute completamente all'oscuro da qualsiasi tipo di istruzione letteraria.

Il Settecento italiano ha però alcune illustri testimonianze di donne molto colte, di solito provenienti da famiglie altolocate, che spiccano nel panorama culturale maschile. Abbiamo Maria Gaetana Agnesi [65], bambina prodigio e matematica illustre, o Isabella Teotochi Albrizzi, con il suo salotto frequentato dai più grandi letterati veneziani dell'epoca, oppure la contessa milanese Clelia Borromeo, che, si diceva, conoscesse tutte le scienze e tutte le lingue d'Europa.

In tutto questo fervore intellettuale, il popolo rimase estraneo ad ogni tipo di istruzione, ancora per lunghissimo tempo, tanto che nel XIX secolo, in Italia, circa l'80% degli abitanti erano analfabeti.

 

Chiudi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità  alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies