La vita quotidiana durante il Rinascimento (XIV-XVI sec.)
cultura
10 Ottobre 2009 amministratore

La vita quotidiana durante il Rinascimento (XIV-XVI sec.)

Il lavoro femminile Se nelle classi abbienti era previsto che le donne sarebbero dipese economicamente dagli uomini, ci si aspettava che le donne delle classi lavoratrici

Il lavoro femminile

Se nelle classi abbienti era previsto che le donne sarebbero dipese economicamente dagli uomini, ci si aspettava che le donne delle classi lavoratrici si mantenessero da sole, sia prima che dopo il matrimonio.
Non ci si poteva infatti aspettare che gli uomini delle classi povere, sia in qualità di padri che di mariti, potessero provvedere da soli al fabbisogno di tutta la famiglia.
Nonostante questo onere, però, la società non si aspettava che le donne potessero, o dovessero, vivere in uno stato di completa indipendenza. Per questo motivo, una donna poteva essere pagata meno per il suo lavoro, perché si riteneva che, in ogni caso, un uomo avrebbe provveduto a lei. Le donne lavoratrici, non ancora sposate, dovevano quindi partecipare alle spese familiari. Se non riuscivano a trovare un lavoro abbastanza remunerativo, potevano andare a vivere con famiglia del loro datore di lavoro, il quale scalava dal loro stipendio il corrispettivo dovuto al loro mantenimento. In questo modo una donna, non solo risparmiava alla sua famiglia l'onere del proprio mantenimento, ma si impegnava ad accumulare la dote e ad attirare, con la sua abilità lavorativa, un futuro marito.
La società si impegnava infatti ad instillare nelle bambine, fin dalla più tenera età, l'idea che il matrimonio avrebbe fornito loro rifugio e aiuto, cosa che portava circa l'ottanta per cento delle ragazze di campagna a lasciare la casa, a malapena dodicenni, per iniziare ad accumulare la dote. Dai successi raggiunti in campo lavorativo, dipendeva il futuro della giovane donna.
Le ragazze di bassa estrazione, oltre alle qualità tipiche delle donne, come saper filare e cucire, dovevano anche acquisire una specializzazione lavorativa.

I lavori più ambiti, per chi viveva in campagna, erano quelli di servitrici nelle grandi fattorie, perché permettevano alle ragazze di restare vicine alle loro famiglie e di non cambiare radicalmente il proprio stile di vita.
Chi non riusciva a trovare lavoro in campagna, doveva spostarsi in città. Bisogna considerare che città significava spesso il più vicino borgo, da circa cinquemila abitanti, in cui le giovani potevano trovare, con maggiore facilità, un impiego come donne di fatica. Questi lavori variavano nella quantità delle mansioni da svolgere, che comunque erano tutte pesanti, come lavare la biancheria, svuotare le latrine, pulire la casa e cucinare.
Le ragazze provenienti da famiglie notoriamente oneste, o quelle che avevano maggiori contatti, potevano aspirare a posti di servitù più alti, come domestiche o servitrici personali.
La quantità di servitrici in una casa era un indice di status (Posizione di un individuo in una struttura sociale) sociale, ed era uno dei primi lussi, che una famiglia in ascesa economica, si concedeva.

Le giovani donne che vivevano in zone industriali o commerciali, potevano invece trovare un'occupazione come tessitrici, o se provenienti da famiglie di artigiani, curare alcuni aspetti della produzione.

 

Chiudi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità  alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies