LE REPUBBLICHE MARINARE (VI-X sec.)
cultura
10 Ottobre 2009 amministratore

LE REPUBBLICHE MARINARE (VI-X sec.)

Pisa
Pisa, posta alle foci del fiume Arno, che era allora navigabile fin sotto le porte della città, aveva fatto parte del Regno italico, e, più tardi, del marchesato di Toscana; ma verso la fine del secolo X, quando dovette difendersi da sola per le continue scorrerie dei Musulmani, divenne completamente autonoma. A capo dello Stato erano i Consoli, magistrati eletti dal popolo, con attribuzioni ancora poco chiare.
A differenza di Amalfi, Pisa dovette combattere a lungo contro i Musulmani, che, dalle vicine isole della Sardegna e della Corsica, operavano frequenti scorrerie sulle coste del Tirreno, e in questa lotta ebbe alleata Genova, anch'essa minacciata nella sua sicurezza.
Nel corso del secolo XI, con una serie di imprese militari che precedettero le Crociate, le due città alleate costrinsero i Musulmani ad abbandonare le isole. E proseguendo la guerra fin sulle coste dell'Africa e della Sicilia, nei primi anni del secolo XII occuparono anche le Baleari.
Pisa seppe notevolmente avvantaggiarsi delle Crociate, insediandosi nel Levante e nel Tirreno con importanti aziende commerciali. La sua potenza però non durò molto: entrata in conflitto con la sua ex-alleata per il possesso della Sardegna, della Corsica e delle Baleari, condusse una guerra che durò due secoli, e che terminò con la famosa sconfitta navale della Meloria nel 1284, da cui non seppe più risollevarsi.

 

Chiudi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità  alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies