Lavoratori italiani vittime o protagonisti?
attualita
15 Ottobre 2012 Randstad

Lavoratori italiani vittime o protagonisti?

lavoro giovani - Vibrant Image Studio - Shutterstock.com

Un lavoratore su due si sente sotto-qualificato. le aziende non investono in formazione e aggiornamento ed offrono poche opportunità di carriera

 

I lavoratori italiani stanno vivendo un periodo caratterizzato da un diffuso disorientamento. A confermarlo sono alcuni dati che emergono dal Workmonitor, l’indagine sul mondo del lavoro che la multinazionale Olandese Randstad, seconda azienda al mondo nel mercato delle risorse umane, ha condotto nell’ultimo trimestre.

In quest’ultima ricerca, condotta in 32 paesi nel periodo che va dal 17 Luglio al 15 Agosto, l’attenzione si è focalizzata sulla coerenza che caratterizza il percorso professionale, dalla formazione personale al reale sbocco nel mondo del lavoro. Per quanto concerne i lavoratori italiani, dall’analisi delle risposte, emerge innanzitutto una diffusa coerenza tra l’orientamento intrapreso negli studi e il lavoro in seguito svolto: è così, infatti, per il 74% degli italiani (stesso indirizzo tra istruzione ed occupazione) a differenza del 66%, emerso fra i tedeschi, e del 67% fatto registrare dai colleghi francesi (vs. media globale del 66%).

Per quanto riguarda i lavoratori italiani, però, emerge una prima sostanziale discrepanza, soprattutto nei confronti dei colleghi stranieri, tra il ruolo occupato e le effettive responsabilità ricoperte. E così, mentre pochi italiani, il 36% del campione (rispetto alla media globale del 47%), si sentono sovra-qualificati nelle rispettive attività, il dato che si discosta maggiormente dai colleghi degli altri paesi è quello relativo a coloro che si sentono sotto-qualificati: è infatti quasi un italiano su due, il 46%, a dichiarare di sentirsi sotto-qualificato nelle attività che sta svolgendo, contro una media globale del 20% e con notevole differenza con il 15% dei tedeschi, del 25% dei francesi, del 19% dei lavoratori del Regno Unito per finire, con appena il 14% dei colleghi statunitensi.

“Da quest’edizione del Workmonitor emergono dati che testimoniano una sorta di disorientamento di fondo dei lavoratori italiani – commenta Marco Ceresa, Amministratore Delegato di Randstad – soprattutto se, alla luce della crisi dei mercati, si considera il proprio ruolo all’interno dell’azienda e quello dei colleghi. Inoltre alcune aziende, in questo periodo particolarmente critico, tagliano i budget destinati alla formazione interna e alla creazione di nuove opportunità di lavoro. Non tutto però ha segno negativo – conclude il Dott. Ceresa - basta guardare i dati relativi ai giovani italiani che reagiscono con un grande dinamismo se si pensa che il 48% (vs il 14% di un anno fa) è oggi alla ricerca attiva di un nuovo lavoro, con una media nazionale assestata all’11%”.

Altre differenze importanti emergono anche quando ai lavoratori italiani è stato chiesto di rispondere alle stesse domande relative alla situazione dei propri colleghi: anche a questi ultimi, infatti, viene spesso attribuita una buona congruenza tra il percorso formativo ed il ruolo professionale ma in misura inferiore alla propria (63% vs 75%), dato in linea con quelli registrati tra inglesi ed americani quasi nella stessa proporzione ma non dai lavoratori tedeschi (72%) i quali, secondo il Workmonitor Randstad, sembrano avere una maggiore stima sulla preparazione teorica dei colleghi di lavoro.

A differenza con gli altri paesi però, i lavoratori italiani dimostrano una sorta di “posizione auto-vittimistica” quando devono valutare il lavoro dei colleghi: a testimoniarlo è l’alta  differenza tra il proprio indice di “sovra-qualificazione” (36%) e quello riscontrabile nei colleghi (55%) che godrebbero, così, apparentemente, di un immeritato vantaggio ricoprendo ruoli superiori alla propria istruzione. Un dato rafforzato se si effettua un confronto con gli altri Paesi dove i lavoratori, non solo si sentono individualmente svalutati in misura decisamente più contenuta, ma non denunciano di fatto nessuna disparità nel trattamento all’interno del team di lavoro.

 

Chiudi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità  alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies