E.N.A.I.P. - Parigi
societa
10 Ottobre 2009 amministratore

E.N.A.I.P. - Parigi

E.N.A.I.P. - Parigi "DONNE ITALIANE IN FRANCIAL'EMIGRAZIONE FEMMINILE FRA PASSATO, PRESENTE E FUTURO"Parigi 25 Novembre 2000 Questo seminario, promosso dall'E.



"DONNE ITALIANE IN FRANCIA
L'EMIGRAZIONE FEMMINILE FRA PASSATO, PRESENTE E FUTURO"
Parigi 25 Novembre 2000

Questo seminario, promosso dall'E.N.A.I.P., è realizzato con il concorso del Lavoro e del Fondo Sociale Europeo.
Esso intende riunire ricercatori e ricercatrici, uomini e donne impegnati nella vita politica e associativa, per dibattere della storia e dell'evoluzione della presenza femminile italiana in Francia.

Lo studio dell'emigrazione italiana spesso è studiata attraverso i concetti di "ciclo migratorio" o di "catena migratoria". In queste analisi, concentrate sui settori garantiti e ufficiali, la spiegazione dei percorsi femminili è appiattita su quelli maschili. Si considera la decisione dell'uomo come fondamentale per il destino familiare, lasciando un posto residuale a quella femminile. Eppure lo studio delle migrazioni dimostra che la scelta individuale di partire, restare all'estero o rientrare nei Paesi di origine spesso è maturata all'interno di un progetto familiare che ha ridistribuito gli apporti dei soggetti nello spazio planetario.

In questo senso, ci sembra che la prospettiva di genere, inglobando nell'analisi i contributi di tutti i soggetti coinvolti nelle dinamiche migratorie, permetta di rinnovare gli schemi esplicativi dei movimenti delle popolazioni. Essa integra il significato della complementarietà e della sostituzione dei ruoli maschili e femminili, il valore del pendolarismo maschile legato all'ancoraggio femminile e delle relazioni elaborate fra la sfera produttiva e quella riproduttiva. Essa permette inoltre un'analisi dinamica dei fenomeni migratori, aprendo nuove piste di interpretazione che vadano oltre lo schema dicotomico secondo il quale la tensione vissuta dai migranti dovrebbe trovare la sua soluzione nel ritorno al luogo di origine o nell'assimilazione al luogo di arrivo.

L'analisi dell'emigrazione femminile italiana in Francia costituisce un contesto appropriato per vagliare queste ipotesi di ricerca. La lunga tradizione che lega i due Paesi offre lo spessore storico per approfondire il ruolo che le donne hanno giocato nelle "situazioni migratorie", cioè nella permanenza al luogo di origine durante le assenze maschili, nei processi di stabilizzazione e di integrazione al Paese di arrivo e nelle dinamiche economiche, sociali e culturali che accompagnano la mobilità.

Aprendo questa riflessione, il dibattito vuole investigare le molteplici sfere in cui le donne sono state e sono attive. Si rivolgerà una particolare attenzione non solo al lavoro domestico e riproduttivo ma anche a quello salariato e indipendente, tenendo conto delle articolazioni, delle continuità, delle rotture e dei sincretismi socio-culturali elaborati fra la società di partenza e quella di arrivo. La dimensione temporale avrà un posto centrale e la comparazione generazionale sarà assunta come un asse di lettura capace di illuminare il rapporto fra il passato, i presente e il futuro.


La prospettiva teorica adottata sarà messa in correlazione con la posizione delle donne italiane nel mondo politico e associativo. Trasmissioni linguistiche e culturali spesso avvengono al di fuori del contesto familiare, nella vita associativa e politica, dove numerose donne sono impegnate. Le testimonianze di tutte coloro che vivono questa esperienza permetteranno al dibattito teorico di arricchirsi di una prospettiva che resta ancora nascosta nella storia dell'emigrazione italiana.

E.N.A.I.P. France
28 rue Claude Tillier
75012 Paris -France

Tel. (00331) 01 42 65 37
www.aclifrance.com

Progetto P.O. 940026/L/I, Asse 1 2A misura2

 

Chiudi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità  alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies