Sottorappresentanza politica femminile
societa
10 Ottobre 2009 amministratore

Sottorappresentanza politica femminile

SOTTORAPPRESENTANZA POLITICA FEMMINILE E DISAFFEZIONE DELL'ELETTORATO Lunedì 17 Gennaio 2000, l'associazione Arcidonna ha presentato "Esserci.

SOTTORAPPRESENTANZA POLITICA FEMMINILE E DISAFFEZIONE DELL'ELETTORATO



Lunedì 17 Gennaio 2000, l'associazione Arcidonna ha presentato "Esserci. Donne e rappresentanza politica in Europa".
La ricerca non solo si riferisce ai dati italiani, ma anche a quelli dei Paesi dell'Unione Europea confrontandoli.

Nelle ultime elezioni politiche, le donne elette nel Parlamento italiano sono diminuite, passando dal 13,9% ('94) al 11,4%, nella Camera dei Deputati, mentre al Senato, la situazione è ferma all'8,3% . Questi dati risultano alquanto scoraggianti, quando vengono confrontati con quelli europei. La Svezia si pone come il campione delle pari opportunità con il 40,4% delle donne elette al Parlamento, seguita dalla Finlandia (39%), Danimarca (26,9%), Germania (26,3%), Austria (25,6%) e Spagna (23%). Al di sotto del 20%, seguono: Regno Unito (18,3%), Portogallo (14,7%), Belgio e Italia (11,4%), Francia (10,2%) e Grecia (6%).
Anche nei Paesi scandinavi, però, si è avuta una flessione della rappresentanza femminile: in Finlandia, il calo è stato pari al 3% (dal 39% del '94 al 34% ), in Danimarca il calo è stato più forte, dal 33% ('94) al 26,9%.
Le situazione è ascrivibile nel fenomeno più generale della disaffezione dell'elettorato, particolarmente evidente in Italia, ma comune a molti altri Paesi europei.

La sottorappresentanza femminile nelle istituzioni politiche, non va comunque sottovalutata.
Durante la presentazione della ricerca, sono state avanzate alcune proposte per arginare il fenomeno. Proposte, che pur non contemplando il sistema delle quote (stabilire una percentuale a priori, all'interno di una legge elettorale, riservata alle donne), lo ripropone in modo indiretto.
La Corte Costituzionale ha dichiarato l'illegittimità del sistema delle quote, fortemente criticato, peraltro, anche da noti esponenti del femminismo italiano.
Un meccanismo di aggiustamento e riequilibrio della presenza femminile nelle istituzioni politiche rappresentative è una sfida da raccogliere, e l'Arcidonna si propone di raggiungere il 30% dell'elettorato nell'anno 2000, ed il 40% dell'elettorato durante le successive scadenze elettorali.
L'idea è di intervenire non nel post elezioni, quanto più al momento della candidatura, modificando i criteri di definizione dei candidati e la composizione delle liste all'interno dell'organizzazione dei partiti. L'azione sul piano legislativo, insomma, deve essere di supporto al rinnovamento delle strutture politiche della società italiana. Torna all'indice

 

 

Chiudi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità  alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies