Cosa c'è da sapere sulla cartella di pagamento
societa
10 Ottobre 2009 amministratore

Cosa c'è da sapere sulla cartella di pagamento

Continua…La cartella di pagamento 6.2. LA CARTELLA DI PAGAMENTO 6.2.1. COSA E'? Le cartelle di pagamento, notificate dai concessionari della riscossionetramite i propri

Continua…La cartella di pagamento


6.2. LA CARTELLA DI PAGAMENTO

6.2.1. COSA E'?

Le cartelle di pagamento, notificate dai concessionari della riscossione
tramite i propri addetti o spedite per raccomandata, contengono l’invito
a pagare entro sessanta giorni le somme iscritte a ruolo e dovute a
seguito dei controlli del fisco, di qualsiasi tipo, e degli accertamenti effettuati
dall’amministrazione finanziaria.

6.2.2. COSA FARE?

Il contribuente dopo aver controllato la cartella, se la ritiene corretta,
può pagarla presso gli sportelli del concessionario, della banca o
degli uffici postali.

Se desidera maggiori informazioni, potrà rivolgersi: all’Ufficio dell’Agenzia
delle Entrate che ha emesso il ruolo o al centro di assistenza
telefonica al n. 848.800.444.

ATTENZIONE
Non tutte le cartelle di pagamento riguardano tributi erariali di competenza
dell’Agenzia delle Entrate, molte contengono inviti a pagare somme
risultanti da contravvenzioni stradali, sanzioni amministrative di vario
tipo, tasse comunali, contributi previdenziali, ecc.
Il contribuente deve quindi fare attenzione a rivolgersi all’ente che è effettivamente
responsabile dell’addebito, indicato come ente impositore
nella cartella.

6.2.3. LE CARTELLE SI POSSONO CONTESTARE?

Controllata la cartella se il contribuente ritiene l’addebito infondato
può presentare all’Ufficio che ha reso esecutivo il ruolo un’istanza di
annullamento, totale o parziale dell’addebito, inoltre, entro sessanta
giorni dalla notifica della cartella, il contribuente può presentare ricorso
alla Commissione Tributaria seguendo le indicazioni riportate nella
cartella stessa.

ATTENZIONE
L’istanza in via di autotutela non ha effetto sulla decorrenza dei termini
di decadenza; pertanto, il contribuente dovrà fare attenzione a non fare
decorrere i sessanta giorni per rivolgersi al Giudice Tributario.
In caso di mancato pagamento entro sessanta giorni dalla notifica della
cartella il concessionario avvierà la riscossione coattiva.

6.2.4. SI PUÒ SOSPENDERE IL PAGAMENTO?

Il contribuente che ha presentato ricorso, in attesa della pronuncia
della Commissione Tributaria può produrre istanza di sospensione a quest’ultima
(sospensione giudiziale) oppure all’ufficio dell’Agenzia competente
per territorio (sospensione amministrativa); l’istanza è in carta
libera e deve recare allegata una copia dell’atto impugnato, nonché una
copia del ricorso prodotto.

6.2.5. SI PUÒ RATEIZZARE?

Il contribuente in situazione di temporanea difficoltà può chiedere il
pagamento in forma dilazionata delle somme iscritte nei ruoli ed elencate
nella cartella di pagamento.

La richiesta di rateazione, in carta bollata, accompagnata da idonea
documentazione, deve essere presentata, a pena di decadenza, prima
dell’inizio della procedura esecutiva.

La domanda va presentata all’Ufficio finanziario competente in base
al domicilio fiscale, il quale, esaminata la situazione del contribuente,
può concedere la dilazione fino a 60 rate, ovvero sospendere la riscossione
per un anno e poi concedere la dilazione fino a 48 rate.

Se l’importo scritto a ruolo è superiore a 25.822 euro, per ottenere la
rateazione è necessario prestare una fideiussione bancaria o assicurativa.

 

Chiudi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità  alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies