La danza e il respiro (I parte)
cultura
10 Ottobre 2009 amministratore

La danza e il respiro (I parte)

Tutti gli approcci considerano la funzione del respiro come di importanza centrale. L’attività polmonare assicura gli scambi gassosi tra l’organismo e l’ambiente esterno.

Tutti gli approcci considerano la funzione del respiro come di importanza centrale. L’attività polmonare assicura gli scambi gassosi tra l’organismo e l’ambiente esterno. L'aria viene inspirata attraverso il naso (o la bocca), le laringi, la trachea e bronchi prima di raggiungere gli alveoli polmonari. É in queste numerose cavità microscopiche (la superficie totale rappresenta circa 80 mq!) che si effettua l'ematosi, ovverosia lo scambio di gas tra aria e sangue: l'ossigeno viene diffuso nell'aria verso i capillari sanguigni e l'anidride carbonica fa l'inverso prima di essere eliminata attraverso l'espirazione. L’ossigeno che passa dai polmoni al sangue durante l’inspirazione è portata dai globuli rossi ai tessuti di tutto il corpo, dove viene rilasciato. In particolare, la principale molecola che agisce da substrato per la respirazione cellulare è il glucosio; l'energia che si ottiene viene immagazzinata nei legami ad alta energia contenuti nella molecola adenosina trifosfato, (ATP) che permette la produzione di energia; mediante tale processo, l'organismo si libera dell’anidride carbonica che deriva dalla respirazione cellulare. Una particolarità del respiro è che sono coinvolti, in esso, sia la muscolatura volontaria della gabbia toracica, che la muscolatura regolata del Sistema Nervoso Autonomo, che regola le variazioni del sistema bronchiale. Attraverso la contrazione del muscolo del diaframma che genera una depressione nel torace, si provoca l'afflusso d'aria. Quando la contrazione del diaframma cessa, il torace si sgonfia passivamente, e l'aria é espirata. I muscoli volontari coinvolti nella respirazione non sono solo quelli che avvolgono la gabbia toracica, ma anche numerosi muscoli delle spalle, della spina dorsale, del bacino, delle gambe e delle braccia. Una respirazione consapevole provoca un più forte afflusso di ossigeno alle terminazioni nervose del sistema simpatico che sono sparse per tutto il corpo, aumentandone l’attivazione.

 

Chiudi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità  alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies