Recupero dati informatici dopo cancellazione accidentale
Recupero dati cancellati: programmi, utility e backup.
10 Ottobre 2009 amministratore

Recupero dati informatici dopo cancellazione accidentale

Solitamente ciò che causa l’indisponibilità delle informazioni non è evento catastrofico. Speso succede che il computer smetta di funzionare correttamente dopo l’installazione di un programma o più in generale dopo qualche cambiamento

Solitamente ciò che causa l’indisponibilità delle informazioni non è evento catastrofico. Speso succede che il computer smetta di funzionare correttamente dopo l’installazione di un programma o più in generale dopo qualche cambiamento alla configurazione del Pc. Non è neppure improbabile che alcuni dati importanti vadano perduti in modo apparentemente irrimediabile, per una cancellazione errata, una formattazione accidentale o magari perché sovrascritti con altri file. In questi frangenti l’unico rimedio è non lasciarsi prendere dal panico ed adottare alcuni utili accorgimenti di base per recuperare almeno in parte i dati perduti, soprattutto di fronte ad errori umani.
La prima regola di base è comunque quella di effettuare sempre una copia logica dei dati e iniziare poi a lavorare su di essa. Questa copia in genere contiene il backup del settore di avviamento (boot record), della Fat e delle informazioni della directory radice, delle sottocartelle e dei file. Pur non essendo strettamente necessaria, questa copia di riserva dell’area di sistema e dei dati è sempre auspicabile in quanto consente di rimediare ad eventuali errori umani compiuti in fase di analisi e recupero dei dati. Permette così di eseguire perizie giudiziarie ad hoc, mantenendo inalterato il contenuto originale mentre lavoriamo sulla copia binaria.
Per capire il ruolo svolto da queste copie di sicurezza dell’area di sistema generate dalle varie utility disponibili sul mercato, consideriamo il processo di recupero da una delle più comuni emergenze del disco fisso: la cancellazione accidentale di un file prezioso. La prima cosa da comprendere circa il recupero da una cancellazione è che quando si cancella un file, i dati contenuti nei cluster che costituiscono il file non vengono rimossi dal disco fisso ma semplicemente viene eliminato il loro riferimento nel file system per il sistema operativo. In pratica i dati sono ancora presenti fisicamente sul supporto di memoria di massa, solo che il sistema non ha più un indirizzo per andarli a cercare.
Perciò, se un file viene cancellato per errore e ci si accorge del fatto quasi subito, c’è buona speranza di recuperarlo utilizzando un qualsiasi dei programmi di recupero dati. Questi programmi si basano sul fatto che nella voce di directory per quel file l’unico cambiamento è nella lettera iniziale: sia le dimensioni che il puntatore al primo cluster di tale file sono rimasti invariati. Se le dimensioni del file sono meno di un cluster, è possibile un recupero completo del file purché, naturalmente, non si sia salvato successivamente un file che possa avere riutilizzato quel cluster.

 

Chiudi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità  alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies