tempolibero
Errore
  • Errore nel caricamento dei dati feed.
10 Ottobre 2009 amministratore

Procurarsi un browser alternativo

Fra i browser alternativi a Internet Explorer c'è soltanto l'imbarazzo della scelta. Ecco alcuni dei più diffusi e collaudati:

. Firefox
(www.mozilla.org, disponibile anche in italiano presso www.-mozillaitalia.org)
Completamente gratuito, browser puro e senza accessori, estremamente leggero e veloce; include la gestione dei feed RSS, un modo molto pratico di sintetizzare le informazioni provenienti da tanti siti Web.

. Mozilla
(www.mozilla.org, disponibile anche in italiano presso www.- mozillaitalia.org)
Completamente gratuito, include anche funzioni per la creazione di pagine Web, per la gestione della posta, per il chat IRC e per i newsgroup.

. Opera
(www.opera.com, disponibile anche in italiano) Disponibile in versione gratuita sostenuta da piccole immagini pubblicitarie o in versione a pagamento senza pubblicità; include gestione della posta e delle chat IRC, feed RSS.

. Netscape
(www.netscape.com, non disponibile in italiano)Completamente gratuito, include funzioni per la creazione dipagine Web e per la gestione di chat (AOL), ICQ e posta.

Fra l'altro, questi browser alternativi non sono soltanto meno insicuri:sono anche oggetto di minori attenzioni da parte degli aggressoriinformatici, perché sono meno diffusi di Internet Explorer;per cui quando hanno delle falle, è raro che vengano sfruttate in modo ostile prima che vengano corrette.

Come ciliegina sulla torta, i browser alternativi sono anche tecnicamentepiù evoluti:

. bloccano le pubblicità: molti siti fanno comparire fastidiosissima finestre pubblicitarie sopra la pagina Web che volete leggere: si chiamano "popup". Questi browser possono bloccarle. Internet Explorer è in grado di farlo soltanto se lo aggiornate con il Service Pack 2.

. gestiscono pagine multiple tramite linguette o "schede"(tabbed browsing): invece di avere tante finestre del browser,una per ciascuna pagina che state visitando, come fa Internet Explorer, potete avere una singola finestra che le gestisce tutte e permette di passare da una pagina Web all'altra cliccando sulle loro linguette, come se le pagine fossero fogli di unoschedario (Figura 11.1). È comodissimo, ma molto più difficile da descrivere che da provare: fatelo, non tornerete più indietro.

. capiscono i gesti del mouse: invece di dover cliccare sui pulsanti di navigazione, potete dire a questi browser di riconoscere un certo movimento del mouse. Per esempio, se tenete premuto il pulsante destro del mouse mentre muovete il mouse verso sinistra, Opera torna alla pagina precedente.

. salvano le navigazioni in corso: potete chiedere a questi browser di ricordarsi le pagine Web che state consultando, così la prossima volta che avviate il computer potete ricominciare da dove eravate rimasti, senza dover frugare nella Cronologia come si fa con Internet Explorer.

. offrono ricerche velocissime: con Internet Explorer, per cercare qualcosa dovete andare a www.google.it (o al vostro motore di ricerca preferito), attendere che venga visualizzata la pagina iniziale di Google e poi immettere l'oggetto della vostra ricerca. Con i browser alternativi, vi basta immettere l'oggetto della ricerca nell'apposita casella della finestra del browser, accanto alla casella dove si digitano gli indirizzi dei siti (Figura11.2) per ottenere direttamente i risultati forniti da Google o dal motore di ricerca che preferite.

Esistono alcuni programmi, come Slim Browser (www.flashpeak.com), che in realtà non sono browser autonomi;sfruttano parti di Internet Explorer aggiungendovi alcune di queste funzioni molto utili. Tuttavia non risolvono il problema di fondo: essendo basati su Internet Explorer,ne ereditano le falle. Lasciate dunque perdere queste soluzioni a metà e adottate direttamente un browser alternativo.



 
Joomla SEO powered by JoomSEF

ZigZag

Newsletter

Iscriviti gratis riceverai così le notizie di ItaliaDonna via e-mail:
News Ricette



Chiudi