tempolibero
10 Ottobre 2009 amministratore

Cambiare browser si può, anzi si deve

Rinunciare a Internet Explorer non è un'impresa particolarmente impegnativa. In genere richiede tre semplici passi:

. scaricare e installare un browser alternativo;

. importare i Preferiti (l'agenda degli indirizzi dei siti che vi interessano),le opzioni, i segnalibri, la cronologia e le password di Internet Explorer;. impostare il nuovo browser come browser predefinito.

Tutto questo avviene direttamente durante l'installazione: a un certo punto vi viene chiesto (in italiano) se volete importare i Preferiti e se volete che il nuovo browser diventi quello principale (o predefinito o di default), ossia quello che verrà lanciato quando ciccate su un indirizzo Web in un e-mail o in un documento.

A questo punto potete già cominciare a navigare più tranquilli. Vedrete molta meno pubblicità e potrete girare la Rete in lungo e in argo senza l'angoscia di trovarvi il computer infetto o paralizzato. Vi conviene comunque non abusare di questa maggiore sicurezza,perché anche i browser alternativi ogni tanto rivelano qualche falla. Non pensate insomma di essere diventati invincibili: siete semplicemente meno indifesi di prima, ed è già tanto, credetemi.

C'è inoltre ancora un po' di lavoro da fare prima di raggiungere il massimo della sicurezza: addomesticare Internet Explorer, in modo che si comporti bene quando (raramente) vi serve proprio usarlo, e imparare alcune regole di navigazione sicura per proteggersi da bufale, burle e truffe.


 
Joomla SEO powered by JoomSEF

ZigZag

Italiadonna

Newsletter

Iscriviti gratis riceverai così le notizie di ItaliaDonna via e-mail:
News Ricette



Chiudi