Eclissi nello stomaco
cultura
10 Ottobre 2009 amministratore

Eclissi nello stomaco

Eclissi nello stomaco "Eclissi nello stomaco" la storia autobiografia di Luciana Morelli.

Eclissi nello stomaco

"Eclissi nello stomaco" la storia autobiografia di Luciana Morelli.
Oggi ha 23 anni ed è un'ex anoressica. Il suo disagio è iniziato quando i suoi rotolini di grasso l'hanno trascinata in una sorta di dramma da cui non è facile uscirne.
La prima sensazione che ho avuto, quando mi sono ritrovata il suo manoscritto in mano, è stata la netta sensazione d'una lama che d'improvviso trafigge la gola. Guardarla così da vicino, attraverso le sue righe mi parve di trovarmi davanti ad un cucciolo appena nato.
Mi ritrovai, in un lampo, ad entrare in questa sua sorta di chiasso, che al fine sapeva di silenzio e con molto rispetto, quasi con un senso di sacro, mi sono addentrata, pagina dietro pagina, in quell'intero universo sconosciuto che era la sua giovane vita.

Luciana è figlia di quest'ultima generazione. Figlia di un'età che ha a che fare con tutte le problematiche che abbracciano la sfera dell'adolescenza e ancora prima di quelle trascorse durante la sua infanzia. Una generazione che oggi ha a che fare con l'aridità di una quotidianità segnata dalla fretta, dall'assenza dei genitori, spessissimo assenti per motivi di lavoro o per il bisogno di realizzarsi socialmente. A tirare le somme da tutto questo sono i bambini.

Spesso tutto l'affetto, l'amore e l'attenzione che si può donare loro non basta. Non basta per il semplice motivo che gli adulti sono motivati a pensare che tutto ciò che si fa per i figli, si fa per il loro bene. Magari certi sensi di colpa si superano con costosi regali.

Non ci si chiede mai che basterebbe pensare che non è la quantità di tempo che si trascorre con i "figli", ma la qualità del tempo che si spende con loro.

Non ci si chiede mai che a volte la cosa migliore da fare non è insegnare ai figli, ma imparare dai figli.


Leggere le pagine di Luciana significa entrare nel vivo della quotidianità di una normalissima famiglia, una delle tante famiglie italiane. Luciana ci porta con mano in quella che potrebbe essere la nostra famiglia, i nostri familiari, la nostra casa e c'indica con la punta del dito ogni piega di quelle pagine scritte nel libro delle nostre singole vite e che sicuramente abbiamo dimenticato.


La mano di Luciana denuncia quel mondo che pur avendolo ogni giorno sotto gli occhi, non lo vediamo. Un mondo che si traduce in massima parte in tanti piccoli surrogati d'affetto, propinati dalla pubblicità sotto forma d'oggetti del desiderio, ma nessun oggetto è in grado di riempire il vuoto creato dal mancato sostegno emotivo.

Tutti i bisogni di Luciana via via si sono tradotti in pagine scritte, quelle pagine che oggi si presentano in un libro. Tutti i particolari su www.akkuaria.net/lucianamorelli

 

Chiudi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità  alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies